L’unione Europea prevede di vietare le app preinstallate su iPhone

Ad

Unione Europea app preinstallate

Una nuova legge attualmente in bozza nell’Unione Europea potrebbe vietare le app preinstallate sui dispositivi mobili. Una mossa che impedirebbe ad Apple di offrire qualsiasi app con i propri telefoni e dando ai propri utenti la possibilità di dover scegliere quale installare o disinstallare.

Come riportato dal Financial Times, questa legge è ancora in fase di bozza e si evolverà sicuramente in modo significativo prima di una possibile approvazione.

La bozza raccomanda che alle società Big Tech sia vietato favorire i propri servizi sui loro siti web o piattaforme, al fine di ostacolare i concorrenti, e che non dovrebbero consentire alle aziende di preinstallare le proprie applicazioni su dispositivi hardware, come i computer. laptop o telefoni o costringendo altre società a preinstallare solo l’applicazione software.

Invece di offrire app preinstallate sul sistema operativo, i produttori, secondo lo stato attuale della legge, offriranno agli utenti la possibilità di scegliere le app che desiderano utilizzare.

Secondo la bozza, questa regola si applicherebbe a tutte le applicazioni che avevano competenza o, in altre parole, in cui possono essere scelte alternative.

Allo stesso tempo, la legge prevede anche che i produttori consentano la disinstallazione di qualsiasi applicazione preinstallata sui dispositivi. Un requisito che da iOS 11 e watchOS 6 è già una realtà sulle piattaforme Apple.

App preinstallate

Andando un po ‘oltre, l’Unione Europea sembra anche preparare una lista nera di comportamenti che sarebbero vietati alle aziende che agiscono come gatekeeper . Secondo il testo “I gatekeeper non utilizzeranno i dati ricevuti dagli utenti aziendali per servizi pubblicitari per scopi diversi dal servizio pubblicitario”.

Al momento, come abbiamo già detto, la legge è nelle sue fasi iniziali ed è evidente che dovrà definirne chiaramente il campo di applicazione oltre alle modifiche che potrà apportare durante il suo sviluppo.

Ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *