Tim Cook: uguaglianza per tutti dopo il Covid-19

Tim Cook Apple

Il CEO di Apple Tim Cook ha scritto un editoriale per il Wall Street Journal, chiedendo più azione sull’uguaglianza dopo il Covid-19.

Il pezzo di Cook evidenzia come la pandemia abbia avuto un impatto diverso su varie comunità e attinge alla sua esperienza personale di crescita durante il movimento per i diritti civili.

In teoria, una malattia dovrebbe colpire tutti noi allo stesso modo. Ma in realtà, è vero il contrario. Abbiamo tutti visto, in tempo reale, come la discriminazione strutturale e gli ostacoli alle opportunità svolgono il loro ruolo in caso di crisi.

Nelle nostre comunità, ogni fardello, dai tassi di infezione e gli esiti dell’assistenza, alle avversità economiche e alle sfide dell’apprendimento virtuale quando le scuole sono chiuse, ricade maggiormente su coloro per i quali la vera equità è sempre stata più lontana degli altri.

Essendo cresciuto durante il movimento per i diritti civili, è stato frustrante vedere quanto lavoro deve ancora essere fatto su questo tema, ma è incoraggiante vedere fino a che punto le persone di buona volontà sono capaci di mettere da parte il comfort e il loro status quo per marciare e per chiedere qualcosa di meglio.

Mentre la fine della pandemia si avvicina, Cook afferma che è una responsabilità collettiva garantire che, andando avanti, tutti gli individui, le comunità, le aziende e i governi facciano tutto il possibile per garantire un futuro pieno di speranza e “durevole” per tutti.

Quando la pandemia sarà un brutto ricordo, non possiamo semplicemente presumere che la soluzione ai problemi sia automatica. Spetta a tutti noi – individui e comunità, aziende e governi – garantire che ciò che ci aspetta non sia solo la fine di una malattia, ma un futuro durevole e pieno di speranza per tutti coloro che si sono sacrificati in questo periodo senza precedenti.

La crisi sanitaria globale ha costretto milioni di studenti a studiare da casa e Cook afferma che Apple si è impegnata a realizzare “i migliori strumenti di apprendimento e a condividerli gratuitamente con decine di migliaia di insegnanti, studenti e genitori“. Cook prosegue descrivendo i molteplici investimenti di Apple per le comunità nere e sottorappresentate.

Abbiamo intrapreso nuovi e importanti investimenti attraverso la nostra iniziativa per l’equità razziale e la giustizia.

Questi progetti includono il Propel Center di Atlanta, che stiamo contribuendo a costruire in collaborazione con i college e le università storicamente “nere” del paese, per supportare la prossima generazione di leader di colore in campi che vanno dall’apprendimento automatico allo sviluppo di app, dall’imprenditorialità al design; e poi c’è la nostra prima Apple Developer Academy negli Stati Uniti, nel centro di Detroit, sede di oltre 50.000 aziende di proprietà di uomini e donne di colore, e non mancano grandi idee per l’economia delle app.

CEO di Apple Tim Cook

Cook conclude con un messaggio di speranza, dicendo che semmai spera che questa pandemia ci abbia insegnato che è necessario parlare e che una lunga storia di ingiustizia non dovrebbe essere usata come scusa per non fare nulla.

Se questa pandemia ci ha insegnato qualcosa, spero che nessuno di noi possa usare la lunga storia dell’ingiustizia come scusa per non agire. Le nostre vite su questo pianeta sono preziose e fugaci, e il destino ha un modo per ricordarci che la società è forte solo quanto quelle che, per troppo tempo, sono state trascurate e sottovalutate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *