Ad

Il primo Mac ARM potrebbe essere un MacBook da 12 pollici

MacBook ARM

Secondo Fudge, il primo Mac ARM potrebbe essere un MacBook da 12 pollici che presumibilmente includerà la controversa tastiera a farfalla.

Negli ultimi mesi abbiamo sentito sempre con più insistenza alcune voci riguardanti il possibile passaggio di Apple ad ARM anche sui MacBook.

Fudge racconta che Apple ha usato i chip T1 e T2 e le sue iniziative di unificazione del software per preparare il terreno all’arrivo di un Mac con un processore interamente progettato da Apple, ma forse la parte più interessante della narrativa di Fudge è la sua speculazione sul prossimo passo di Apple e quale forma prenderà.

Fudge crede che Apple potrebbe rilanciare nuovamente un MacBook da 12 pollici che diventerà il primo dispositivo Apple con un chip basato su ARM. Inoltre, sembra che con questo modello Apple potrebbe persino far tornare in auge la tastiera a farfalla, di recente sostituita con un meccanismo a forbice, e per la macchina dovrebbe adottare lo stesso design della versione ritirata. Tra le novità, oltre al nuovo chip,  potrebbe esserci il supporto alla connettività 5G.

macbook early

Le voci hanno suggerito che l’eventuale obiettivo di Apple è quello di utilizzare i suoi chip personalizzati basati su Arm in tutta la sua gamma Mac. Bloomberg ha dichiarato che Apple sta attualmente sviluppando almeno tre processori Mac basati sul chip A14 a 5 nanometri che verrà utilizzato nei prossimi modelli di iPhone 12.

Si vocifera che almeno uno dei tre processori sia molto più veloce dei chip della serie A utilizzati su iPhone e iPad, e i primi processori Mac avranno 12 core, otto core ad alte prestazioni e almeno quattro core a risparmio energetico. Apple sta inoltre lavorando su una seconda generazione di processori Mac basati sul futuro chip A15 a 3 nanometri.

A 15 Super

L’utilizzo di chip basati su ARM offriranno molti vantaggi rispetto ai Mac basati su Intel, con cui Apple potrebbe tagliare i legami del tutto Ci si aspetta che i chip offrano prestazioni più veloci e consumi energetici ridotti per una migliore efficienza della batteria, e Bloomberg afferma che i test interni hanno mostrato miglioramenti significativi in ​​termini di prestazioni grafiche e app usando l’intelligenza artificiale.

La transizione da Intel ad ARM, però, potrebbe anche rivelarsi più difficile del previsto, a causa delle compatibilità delle app. Sebbene le app presenti su Mac App Store funzioneranno senza modifiche, le app al di fuori potrebbero essere problematiche.

Per quanto riguarda Boot Camp, Fudge ritiene che a causa di problemi di prestazioni e difficoltà nell’emulare x86_64 su macchine basate su ARM, Apple potrebbe abbandonare completamente la funzionalità fino a quando Windows non diventerà più compatibile con la nuova architettura.

Ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *