Il bug del MacOS per le archiviazioni è più grave del previsto

Ad

Un po di giorni fa, vi abbiamo segnalato un bug nell’app Image Capture per macOS, che può riempire rapidamente lo spazio di archiviazione del Mac durante l’importazione di foto.

Macrumors riferisce che il bug in macOS 10.14.6 e versioni successive è molto più esteso di quanto si pensasse inizialmente.

Lo sviluppatore di NeoFinder Norbert Doerner, che originariamente ha scoperto il bug, ha dichiarato che lo stesso problema riguarda quasi tutte le app Mac che importano foto da fotocamere e dispositivi iOS, tra cui Adobe Lightroom, Affinity Photo, PhaseOne Media Pro e le app iPhoto e Aperture legacy di Apple.

Il motivo è dovuto dal fatto che il bug si trova all’interno del framework ImageCaptureCore di Apple, che fa parte di macOS che tutti gli sviluppatori devono utilizzare per connettersi alle fotocamere digitali.

L”unica app non interessata sia l’app Foto di Apple , che utilizza altre API non documentate per comunicare con i dispositivi iOS.

In sostanza, il diffuso bug del Mac fa sì che i file HEIC importati da dispositivi iOS e convertiti in JPG contengano più di 1,5 MB di dati vuoti aggiunti alla fine di ogni file, aumentando le dimensioni del file e consumando spazio di archiviazione.

Ad esempio, Doerner ha dichiarato di aver scoperto più di 12.000 file JPG nella sua libreria di foto contenente questi dati extra indesiderati, con la conseguente perdita di spazio su disco di oltre 20 GB.

Apparentemente Apple è a conoscenza del bug, ma fino all’arrivo di una patch, una soluzione a breve termine per i trasferimenti futuri è impedire al nostro iPhone o iPad di utilizzare il formato HEIF quando scattiamo foto: per farlo, basta andare su Impostazioni> Fotocamera > Formati e selezioniamo Più compatibile.

Per gli utenti con grandi librerie di foto esistenti, Doerner ha suggerito di utilizzare una nuova versione beta dell’utility Graphic Converter di terze parti , che include un’opzione per rimuovere i dati vuoti indesiderati dai file JPEG.

Ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *