Apple sta sviluppando un nuovo Touch ID sotto il display

Touch ID sotto lo schermo

Apple sta sviluppando e perfezionando il Touch ID sotto il display, come conferma un nuovo brevetto pubblicato nei giorni scorsi.

La domanda di brevetto, individuata per la prima volta da Patently Apple e depositata presso l’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti, intitolata “Rilevamento delle impronte digitali sotto il display basato sulla luce angolare fuori asse“, spiega come uno scanner di impronte digitali sotto il display può essere reso più accurato e affidabile.

Apple descrive la sua tecnologia come un sistema di “rilevamento delle impronte digitali sotto il display avanzato” che, a differenza di molti altri scanner di impronte digitali sotto il display esistenti utilizzati sui dispositivi Android, utilizza la “luce angolare fuori asse” per leggere le impronte digitali in modo più efficace senza aumentare componenti.

La maggior parte dei sistemi ottici di scansione delle impronte digitali sotto il display utilizza la luce emessa dal display del dispositivo per illuminare la punta del dito dell’utente, che viene riflessa dall’impronta digitale e indietro attraverso minuscole aperture tra i pixel del display. Un sensore sotto il display può quindi leggere l’impronta digitale e autenticare l’utente.

A causa del “throughput e della diffrazione in condizioni di scarsa illuminazione”, l’immagine dell’impronta digitale è soggetta a soffrire di basso contrasto e basso rapporto segnale/rumore, rendendo più difficile la lettura dell’impronta digitale e aumentando il tempo necessario per autenticare un utente.

Per ovviare a questo problema, Apple propone un sistema in cui la luce angolare fuori asse del dito viene catturata tramite una serie di “opzioni di filtraggio dipendenti dall’angolo tra il display e il sensore”. Questo metodo può “migliorare il contrasto delle impronte digitali e mantenere la compattezza dell’intero sistema di rilevamento”, secondo Apple.

off axis under display fingerprint scanner patent

In particolare, il sistema di Apple include “uno strato emettitore di luce coperto da uno strato trasparente e configurato per illuminare una superficie che tocca lo strato trasparente e per consentire la trasmissione dei raggi di luce riflessa dalla superficie agli strati sottostanti”. Uno strato di accoppiamento ottico sotto il display “piega i raggi di luce riflessa” che vengono poi ricevuti da uno strato collimatore e interpretati da un sensore di immagine pixelato.

Gli esempi elencati nella nota di brevetto si concentrano sul fatto che OLED sia la tecnologia di visualizzazione scelta per il sistema.

Gli analisti di Barclays hanno recentemente suggerito che la funzione “probabilmente” arriverà su iPhone 13.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *