Ad

AGCM multa Apple per pratiche commerciali ingannevoli

iPhone resistenza all'acqua

L’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha multato Apple per 10 milioni di euro per aver fatto affermazioni fuorvianti e ingiuste sulla resistenza all’acqua degli iPhone.

L’ autorità antitrust italiana ha ritenuto che Apple fosse colpevole di due cose, una più grave dell’altra …

Il primo riguarda la commercializzazione di diversi modelli di iPhone – iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11pro e iPhone 11 pro Max – in cui è stato affermato che ciascuno dei i prodotti pubblicizzati erano impermeabili fino ad una profondità massima variabile tra 4 metri e 1 metro a seconda del modello. per un massimo di 30 minuti.

Secondo l’Autorità, tuttavia, i messaggi non chiarivano che tali affermazioni erano vere solo in presenza di condizioni specifiche, ad esempio durante prove di laboratorio specifiche e controllate con l’uso di acqua statica e pura, e non nel normale utilizzo dei dispositivi. dai consumatori.

C’è anche un problema con la dichiarazione di non responsabilità offerta da Apple, in quanto “la garanzia” non copre i danni da liquidi, cosa che va contro la pubblicità di spicco che vanta sulla resistenza all’acqua. Inoltre, a quanto pare non è chiaro se la garanzia citata da Apple si riferisca a una garanzia convenzionale o legale, mentre Apple è stata anche accusata di non aver contestualizzato adeguatamente le condizioni e le limitazioni delle richieste di impermeabilità.

iPhone 11 resistenza all'acqua

L’Antitrust ha inoltre ritenuto inopportuno da parte di Apple rifiutare di offrire assistenza in garanzia per danni liquidi a seguito di vendite, ritenuta un ostacolo ai diritti dei consumatori sanciti dalla legge e dal Codice del consumo del paese.

Le sanzioni contro Apple Distribution International e Apple Italia SRL includono sia la multa che l’ordine di pubblicare un collegamento sul proprio sito web che copre l’Italia con un collegamento a un documento sui risultati normativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *